//
stai leggendo...
Consigli e suggerimenti, Da manager a mammager, Sapere per educare

Letture consigliate alle neo mamme. E anche ai papà.

Mamme si nasce. Nel senso che, per natura, al di là del fatto di poter o meno generare un figlio, un po’ mamme lo si è sempre a prescindere. Con gli amici, col marito, col datore di lavoro, col vicino di casa. E’ un fatto congenito, innato, naturale a priori. Per questo io non credo che “leggendo s’impari” ad esserlo o che ci siano le istruzioni per diventarlo. Penso piuttosto che se noi tocchiamo ad un figlio e quel figlio tocca a noi è perché è così che deve andare. L’uomo propone, Dio dispone. Quella è la vera “formula perfetta”, il modo in cui il Signore abbina una mamma al suo bambino e quel bambino alla sua mamma. Con buona pace di chi ci vorrebbe convincere che le mamme non servono più e che i figli si possono comprare. Baggianate.
Però, anche se ritengo che non sia cosa da “apprendere” leggendo libri, ne ho letti diversi anch’io. In tanti punti mi son detta “embé, certo!” e in tanti altri “ma che dice questo!”, però alla fine l’ho fatto. Li ho letti e ne sto leggendo altri.

Di seguito vi consiglio quindi le letture che, ad oggi, ho trovato più utili e interessanti in ordine sparso; a tratti anche non sempre condivisibili, ma pur sempre certamente utili:

I cinque linguaggi dell’amore dei bambini” di Gary Chapman e Ross Campbell;
Le madri non sbagliano mai” e “Genitori grandi maestri di felicità” di Giovanni Bollea;
I no che aiutano a crescere” di Asha Phillips;

Leggere di crescita e di educazione stimola la riflessione e la capacità di confrontarsi con dubbi e certezze che tutti i genitori hanno. Anche quelli che si sentono arrivati. Farlo con apertura mentale e disponibilità aiuta a mettersi in discussione, e mettersi in discussione è secondo me sempre necessario a qualunque educatore e ad ogni età. Conoscere, pensare, riflettere e agire sono verbi indispensabili a posizionare le proprie scelte educative sull’asse cartesiano e soprattutto a farlo in modo critico e responsabile.
Pensiero, parola e azione, direbbe un orientale? Mettetela come volete, ma sgusciate le vostre assiomatiche convinzioni e mettetevi in ascolto.

In fondo, anche un vegano, prima di comprare le polpette vegetariane al carciofo, impara a memoria l’etichetta e cerca tutti gli ingredienti su internet. E i figli non sono polpette. Ne vale la pena. Poco poco.

Informazioni su Giorgia Petrini

Scrivo da quando ho imparato. Ho sempre fatto l'imprenditrice, da quando sono nata. Ho vinto un sacco di premi (tutti inutili) e ho abbandonato da tempo tutti i poteri forti. Sono mamma di Samuele e moglie di suo padre Marco. Ho scritto per il Sole24Ore e oggi scrivo su www.lascuolanonesiste.blog, sul mio blog personale, poco aggiornato, su Notizie ProVita, su La Nuova Bussola Quotidiana e ...dove è utile. Ho scritto tre libri "L'Italia che innova", "Il Dio che Non Sono" e "La Scuola Non Esiste", sull'educazione parentale, in vendita da dicembre 2018 online e in tutte le librerie (su ordinazione).

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Foto a casaccio

Non sono state trovate immagini Instagram.

Mamma creativa? Visita PCIUX!

Visita il mio sito per il fai da te!

Tutti i post

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: